Petrovich Petrovich Petrovich 204-50 4х4 Emercom 2014 bianca DiP Models resin 220452 1:43 528652

Petrovich Petrovich Petrovich 204-50 4х4 Emercom 2014 bianca DiP Models resin 220452 1:43 528652Petrovich Petrovich Petrovich 204-50 4х4 Emercom 2014 bianca DiP Models resin 220452 1:43 528652Petrovich Petrovich Petrovich 204-50 4х4 Emercom 2014 bianca DiP Models resin 220452 1:43 528652Petrovich Petrovich Petrovich 204-50 4х4 Emercom 2014 bianca DiP Models resin 220452 1:43 528652Petrovich Petrovich Petrovich 204-50 4х4 Emercom 2014 bianca DiP Models resin 220452 1:43 528652Petrovich Petrovich Petrovich 204-50 4х4 Emercom 2014 bianca DiP Models resin 220452 1:43 528652

Petrovich Petrovich Petrovich 204-50 4х4 Emercom 2014 bianca DiP Models resin 220452 1:43 528652

Vai ai contenuti

Menu principale:

ZIU 682B bianca-rosso Museum Mosgortrans troleybus SSM 4007 1:43,

Pubblicato daMinichamps 1/43 Scale 439 051070 Opel Blitz 1,75t Drehleiter Feuerwehr Sinsheim,in Babbo Blog · 21/9/2014 22:55:34
Tags: fiaba



Fonte:
filastrocche.it

Da qualche giorno era cessato di nevicare e il sole splendeva sulla valle innevata molto lontana dal Polo Nord. Fu in uno di quei giorni di sole che un signore sconosciuto giunse al castello di Vallebruna. Veramente giunse al castello, prima di lui, un suono di campanelli che saliva dal fondo della valle e si spargeva festoso nell’aria. Tutti accorrevano a vedere; i bambini si arrampicavano sugli alberi, i vecchi si accostavano incuriositi sul ciglio della strada, i servi del castello correvano a sporgersi tra i merli delle mura.

2000 Chevrolet Monte Carlo rosso 1:18 SunStar 1987Dinky Toys 168 Ford Escort perfect mint in box,Ebbro EB44258 HONDA R.GINTHER 1965 N.20 MON.1:43 ModellinoScale model 1/43 Trolleybus MTB-82D produced by Tushinsky Aviation Plant2016 HOT WHEELS 1:64 SUPER TREASURE HUNT *BOOM BOX* SHORT CARD RARE,MERCEDES BENZ CLS w218. NOREV 1:18,MAZDA 323F GLX 1992 LIGHT verde METAL NEO 43638 1/43 LHD LEFT HAND DRIVE RESINECORGI TOYS 319 LOTUS ELAN s2 Coupe Rosso/Bianco senza numero iniziale 030Schuco 07135 IVECO MAGIRUS superdragon x8,MODELLO NOREV 1/18 MERCEDES CLS-KLASSE 2018,TOYOTA mr2 98+ modello nero 1:43 sw20 TOSA MTECH 1997,TON20001 - Pelle CATERPILLAR 340DL - 1/501/18 DODGE VIPER Oreca, gt1, LEMANS, as new,Barbus 900 MERCEDES S-COUPE-anno 2015-BIANCO - 1:18 GT Spirit GT 747Lamborghini Gallardo LP560-4 1:18 AUTOart 74588 NEW,Corgi Toys No. 452 Commer 5 Ton Fiancata Ribaltabile Camion Eccellente,HONDA NSX TYPE-R Championship Bianco 1990-2005 nr 242 1/18 otto modello auto con ,1:18 Ford MUSTANG GT año 1968 verdelight 12822 BULLITT Steve McQueen,KYOSHO 08033A 1959 TRIUMPH TR3S LM 1/18 DIECAST 25 verdeBMW 323i e21 verde 1:43 MAXI Champs,MERCEDES BENZ ACTROS 4x2 fh25 CROMO NZG NZG 844/01,1/18 bmw M6 E63 Kyosho en boiteDINKY 144 VOLKSWAGEN 1500 VINTAGE IN SCATOLA 1963,Lotto modelli 1/66 Husky Bisarca Daf più 5 modelli,Universal HOBBIES – UH8010 – Komatsu D155 AX-Scala 1/50DINKY Meccano original 1954 MG MIDGET TF 129 Export Version US market bianca Signature SIGN38201R PORSCHE 356 CABRIO 1950 rosso 1:18,Dinky Toys Vintage Diecast Model 260 - Morris Van Royal Mail - rossoPORSCHE 911 997 gt3 Carrera Cup 2007 55 1 of 2000 1:18 Autoart 80785,MATCHBOX Lesney Moko modello no.49a m3 trasporto VN Nuovo di zecca con scatola,


Il suono dei campanelli s’avvicinava allegramente sempre più, finché in fondo alla strada apparve un carro tirato da sei renne al trotto montate su una slitta e guidate da questo personaggio alto, in piedi al carro, che senza spreco di voce urlava: “OOHH OOHH!” e che schioccando la lunga frusta faceva cadere dagli alberi gli ultimi fiocchi di neve impigliati tra i rami. Allora tutti videro che lo scampanellio veniva da tanti minuscoli campanellini legati ai finimenti delle renne.

L’uomo, un po’ rotondetto a dirla a voi, vestito di una palandrana rossa e nera che gli scendeva dritta dalle spalle alle caviglie, schioccò verso l’alto la frusta in segno di saluto. Poi vide la principessina piangente al balcone e si inchinò portando la mano destra sul cuore. Subito la folla di bambini curiosi gli si fece incontro, circondò il carro, alcuni leggermente, per paura che fosse tutta una finzione, con le piccole dita fecero tinnire i campanelli, alcuni accarezzavano i finimenti di velluto un po’ inumiditi della neve fresca, altri toccavano gli oggetti misteriosi che si trovavano sul carro, mentre le renne tra il vapore del loro fiato bramivano di compiacimento.

“Principessa,” mormorò l’uomo un po’ goffo, inginocchiandosi davanti a lei e baciandole la manina. La bimba singhiozzando senza saperne il motivo, col gesto della mano, fece rialzare lo sconosciuto a tutti, solo lei conosceva la sua fama, in quel suo paese molto lontano dal Polo Nord.

La regina Bicocca, madre della principessina e moglie del re Valambro di Vallebruna vedendo che sua figlia, nessun più era capace di farla smettere di piangere, fece chiamare i più facoltosi medici da ogni dove, ma nessuno capì il male della piccola, che sembrava voler portarsela via. Qualcuno ipotizzò un sortilegio di una strega, ma dovevano capire il perché e come avevano potuto avvicinare la piccola visto, che era sempre sotto lo sguardo attento delle balie.

E così la regina madre, che era una mamma molto attenta telefonò a Babbo Natale, che non credeva davvero alle fandonie sulle streghe. Capì che ci poteva essere lo zampino solo del suo nemico: Mister Tristezza, l’unico uomo al mondo che odiava il Natale e la felicità; ed in incognita, diciamo, si presentò al castello.

Babbo fece una bella dieta per non farsi riconoscere e si tagliò la barba. Le cameriere credendolo un cercatore di fantasmi, con un attrezzo particolare, gli fecero visitare il castello per vedere se trovava qualche indizio e… dopo giorni di estenuanti ricerche, egli trovò quello che cercava.
Babbo Natale aveva al suo seguito 5 inservienti del re, i più fidati. Quando arrivarono in cucina egli sentì un odorino strano, un puzzarello conosciuto, quello del suo nemico Mister Tristezza e dei suoi complici, che emanavano il loro inconfondibile odore di muffa acida, ma se ne stette un po’ in silenzio a riflettere.
“Vedete Babbo Natale, ops…” disse correggendosi sbadatamente e indicando il camino uno degli inservienti, “SI DICE CHE… che da tantissimi secoli qui al castello vi abbiano dimorato dei folletti malefici, proprio lì, nel camino, al calduccio. E li sentiamo nelle sere di tormenta ridere a crepapelle, sentiamo le loro gambette saltellare per la cucina e far cadere le padelle, per attirare la nostra attenzione, ma capirai Babbo Natale, vai a sapere che aspetto orribile che avranno…”.

Si dice, non dice niente” rispose Babbo Natale, guardando severamente dentro il camino.
O ci sono, O NON CI SONO!” esclamò forte come volesse svegliare di soprassalto qualcuno “In primo luogo bisogna accertare questo!”.
Rovistò a lungo nella cesta che aveva portato con sé e ne tirò fuori il suo mitico vestito rosso che indossandolo lo pervase di una scossa magica. Si accostò al camino, il cui fuoco era spento, ma le braci ardevano sotto la cenere, mosse dolcemente il suo sedere a lungo, in gran silenzio.
Ci sono” mormorò, “oh se ci sono!”. E con un salto mostrò il suo didietro bruciacchiato, senza che nessuno si fosse accorto di qualche presenza fisica.
Improvvisamente egli gettò un pezzetto di quei pantaloni sulla cenere, e tra fumo e scoppiettii si levarono lingue di fuoco e faville a migliaia mentre le braci stridevano e crepitavano.
Avete visto che ci sono!” Si rivolse Babbo Natale agli inservienti atterriti e con le dita in bocca.
E tutti folletti di prim’ordine” parlò forte Babbo per farsi sentire.
Ora bisognerà scacciarli. Attizzate il fuoco, aggiungete legna e lasciatemi solo. Io stesso vi chiamerò quando sarà il momento perché possiate vederli coi vostri occhi”.
“Oh no, via via via… che paura”
gridarono gli inservienti dileguandosi per le stanze del castello.
“Bravi e coraggiosi!” li prese in giro Babbo Natale “è questo il bene che volete alla vostra principessa?”.

Trafficò silenzioso a lungo nella cucina deserta e quando richiamò gli inservienti tutto era cambiato. Ovunque c’erano regali, pacchi e pacchettini dai colori allegri e un forte odore di panettone e lui stesso avvolto in un bel mantello nuovo e rosso. Sulla soglia gli inservienti guardavano sorpresi. Babbo Natale con il gatto della regina saltava sul tavolino dell’enorme cucina e urlava: “VATTENE VATTENE OLE’, QUI NON C’è POSTO PER TE, VATTENE VATTENE, OLE’ QUI NON C’E’ POSTO PER TE!”.

Intanto nel camino le fiamme si alzarono sin tutta l’altezza della cappa in un nugolo di scintille. Solo quando il fumo si dissolse e le fiamme ritornarono alle dimensioni solite Babbo Natale guardò verso la porta da dove avevano assistito il re, la regina Bicocca e tutta la servitù e soddisfatto disse: “è finito sono fuggiti tutti, fino all’ultimo!”.

In quello stesso istante la principessina tornò a sorridere e circondata dai doni di tutti i bambini del castello, volgendosi a Babbo Natale che già volava su nel cielo sulla sua slitta, a squarciagola urlò: “BABBO NATALE SEI GRANDE!”.

Torna ai contenuti | Torna al menu